Cultura

  • The results are being filtered by the character: T
A B C D E F G H I J K L M N O P R S T U V W
TIB TeatropicnicReferente: Labros Mangheras
Indirizzo
P.le Marconi 2/B
Belluno
 32100
Tel: 0437 950555
Fax: 0437 956176
Email: info@tibteatro.it
Sito web: www.tibteatro.it

TIB Teatro, compagnia di residenza e di produzione, che opera presso il Teatro Comunale di Belluno, è l’unica struttura teatrale professionale presente nell’intera provincia di Belluno (la seconda per estensione territoriale in Italia), per la quale svolge da un decennio un’intensa e capillare attività di produzione, formazione, promozione e diffusione della cultura teatrale, attraverso l’ideazione e la realizzazione di progetti artistici de teatro dedicato alle nuove generazioni, di drammaturgia contemporanea, di educazione teatrale, di formazione, di integrazione tra le arti sceniche e la configurazione storica ed architettonica della zona. Progetti di respiro nazionale e al contempo fortemente radicati e maturati nel territorio di residenza e da esso espressi.

TIB Teatro opera in regime di convenzione pluriennale con il Comune di Belluno ed è riconosciuta dalla Regione Veneto quale compagnia professionale di produzione.
TIB Teatro ha inoltre rapporti stabili di collaborazione con le Amministrazioni Comunali di Ponte nelle Alpi e Feltre, la Provincia di Belluno, la Comunità Montana Bellunese, l’Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca – Centro Servizi Amministrativi di Belluno, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, gli Istituti Scolastici della Provincia, le Università di Bologna, Feltre e Padova.
Fin dalla sua nascita TIB Teatro ha impostato la sua attività per progetti, nella direzione di un radicamento della struttura e della cultura teatrale nel territorio di appartenenza. In questi anni TIB Teatro si è impegnato per rendere visibile l’attività teatrale bellunese oltre i confini della nostra provincia. Inoltre, con, l’inserimento nel Progetto Geografie Venete dedicato al teatro contemporaneo, la Stagione di Teatro di Ricerca DOC Teatro d’Autore ha assunto una valenza regionale.
Infine gli spettacoli prodotti da TIB Teatro all’interno del Comunale di Belluno, possono vantare una tournèe che li ha portati nei maggiori teatri di diverse Regioni italiane – Veneto, Friuli, Lombardia, Trentino Alto Adige, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Campania e Sicilia -, per oltre 100 repliche ogni anno. Inoltre importanti partecipazioni in Festival nazionali hanno contraddistinto le produzioni – “Sant’Arcangelo dei Teatri”, “Mittelfest”, “Il Filo d’Arianna Festival”, “Benevento Città Spettacolo”, “Primavera dei Teatri”, “Per Filo e per Segno”, “Bassano Opera Festival” – e le nostre proposte dedicate all’infanzia e la gioventù sono state selezionate per il Premio ETI – Stregagatto 2001 e per il Progetto ETI – Qualità Ragazzi.

Le produzioni per la stagionale 2003-2004 sono: – La Storia di Pierino e il Lupo, di Sergej Prokofiev. Regia di Daniela Nicosia. Spettacolo selezionato per il Premio Stregagatto 00-01 ed inserito nel Progetto ETI – Qualità Ragazzi 01-02. Con questo spettacolo si è avviato un progetto di educazione all’ascolto e di avvicinamento alla musica classica per i più piccoli attraverso il linguaggio del teatro. La ben nota partitura di Prokofiev viene, nello spettacolo, contestualizzata in un paesino del sud, svuotatosi per l’emigrazione.
– Le Quattro Stagioni. Su musiche originali di Antonio Vivaldi. Regia e Drammaturgia di Daniela Nicosia. La storia è quella di una famiglia: una mamma che lavora, un papà che lavora, una nonna che consola e una bambina che accompagneremo dalla nascita – il 21 a primavera – fino ai trent’anni. Ogni personaggio rappresenta una stagione, tutti insieme compongono il ciclo della vita che ritorna: primavera estate, autunno, inverno poi di nuovo primavera Spettacolo inserito nel Progetto ETI – Qualità Ragazzi 02-03.
– Polvere ovvero la storia del teatro. Viaggio nel teatro per 15 spettatori. Regia e drammaturgia di Daniela Nicosia. Lo spettacolo sviluppa la ricerca artistica della compagnia circa la produzione di eventi di spettacolo e riflessioni storiche legate al territorio d’appartenenza, alla città, agli edifici e ai luoghi che ne attestano il vissuto nei secoli. Lo spettacolo, in forma itinerante negli spazi usualmente desueti al pubblico (graticcio, sottopalco, palco, camerini) e ispirato dal teatro storico della città, vuole rappresentare una rivisitazione dello spazio ed rispecchiamento, in esso, della città stessa, attraverso quei personaggi che hanno dato vita al teatro nei secoli.

Il Filo d’Arianna è un festival nazionale di teatro nato nel 1995 da una riflessione, del suo direttore artistico Daniela Nicosia, sugli spazi aperti, urbani e rurali per ricondurre alla considerazione il rapporto tra i luoghi e le loro rappresentazioni. Luoghi della memoria deputati non solo ad accogliere, ma anche a stimolare creazioni originali scaturite dalla particolare configurazione architettonica degli spazi e dalle sinergie tra artisti e popolazione locale. Il Filo d’Arianna Festival ha ospitato nel corso di queste edizioni più di 100 compagnie, tra gruppi storici e gruppi emergenti, con spettacoli (molti dei quali in 1a nazionale) di drammaturgia contemporanea e degli spazi aperti, incastonati nelle diverse sezioni del festival: teatro, teatro – danza, teatro – musica, letteratura. Dall’edizione 2000 si è aperta la sezione danza con la consulenza dell’Università degli Studi di Bologna, la sezione studi e si è avviata una collaborazione con l’A.N.C.T. Associazione Nazionale dei critici di Teatro per la realizzazione di sinergie all’interno del Premio dei Giovani Critici.

Stagione di Teatro per l’Infanzia e la Gioventù “Comincio dai 3″. Giunta nel 02-03 alla decima edizione, già dal terzo anno di attività la Stagione poteva contare su circa 10.000 presenze, oggi circa 14.000. Gli utenti (dai 3 anni in su) sono i bambini delle scuole materne ed elementari e gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori che hanno l’opportunità di andare a teatro, accompagnati dai loro insegnanti e compagni di scuola, per due volte nel corso dell’anno scolastico (novembre e febbraio) per assistere a spettacoli diversi, di svariate compagnie di professionisti del settore; messinscena create per le differenti fasce di età e a volte maturate anche in ambito scolastico all’interno dei differenti laboratori condotti nelle scuole dagli artisti stessi.

Nel corso degli anni hanno accompagnato la programmazione:

  • mostre (con le creazioni dei bambini dopo la visione degli spettacoli);
  • animati dibattiti in teatro con i protagonisti degli spettacoli;
  • laboratori teatrali nelle scuole (dalle materne alle superiori);

All’estensione della Stagione ai Comuni di Feltre (dal 1996) e di Ponte nelle Alpi, all’ospitalità del Premio ETI Stregagatto (edizione 1997) si è aggiunto nel 1999 un altro importante riconoscimento, Comincio dai 3 è, infatti, stata inserita nel piano di attuazione della legga nazionale 285 sulla “promozione dei diritti e delle opportunità per l’infanzia e l’adolescenza”.

Stagione di teatro di Ricerca “DOC – Teatro d’Autore”. Il TIB Teatro, in collaborazione con l’ETI e il Circuito Regionale Arteven, dal 1997 da vita al cartellone di Doc Teatro d’Autore, la Stagione di Ricerca del Teatro Comunale di Belluno che tanto riscontro e gradimento ha avuto nelle passate edizioni (tre repliche di Dario Fo, il successo del Living Theatre e dell’omaggio a Pier Pasolini della Compagnia Pippo Delbono con La Rabbia, l’inserimento dell’opera Gioventù senza Dio di Odon von Horvath nel progetto del Comune di Belluno sul razzismo, la presenza di Beppe Rosso e Marco Baliani).
Doc ha vinto la sfida iniziale e negli anni è riuscito ad assorbire una vasta fascia di utenza (con particolare riguardo ai giovani) che richiede una programmazione teatrale di qualità e di alto livello sul piano formale e dei contenuti, troppo limitatamente definita di ricerca e sperimentazione. Si tratta piuttosto di un teatro che testimonia esperienze creative della contemporaneità che iscrivono l’attore – autore e regista in un ben più ampio orizzonte che raccoglie in sé scrittura, ricerca estetica, poetica ed esistenziale. Il cartellone di Doc ha dimostrato che la città e recettiva e sensibile a proposte diverse e oggi c’è attesa da parte dei vecchi e dei nuovi abbonati verso questo appuntamento primaverile divenuto un progetto culturale composito che si articola in diverse serate non solo di spettacolo, ma anche di avvicinamento al pubblico di incontrare intellettuali, studiosi e artisti per attraversare insieme tematiche, forme e linguaggi degli spettacoli proposti.

Seminari e laboratori. Le proposte seminariali che il TIB Teatro rivolge alle scuole, sono caratterizzate da un programma differenziato per fasce d’età (dalle materne alle superiori) di Educazione all’ascolto (tutte le proposte di TIB Teatro sono inserite anche nel Catalogo Provincia Spettacolo). Inoltre sono disponibili i Corsi di aggiornamento per insegnanti, laboratori brevi da svolgersi in formula intensiva nei week-end (dal venerdì alla domenica).

aggiornata 2 anni faRitorna all'inizio.